Screenshot 2022-05-06 at 13.24.42.png

IBF- MASTER DI SPECIALIZZAZIONE

BIODANZA E SALUTE MENTALE

CO-CREANDO UNA RETE MONDIALE DI FACILITATORI SPECIALIZZATI

Diventa un professionista di eccellenza nella salute mentale

MODULO 1

12
ore formative

MODULO 2

12
ore formative

MODULO 3

11
ore formative

Facciamo la differenza nelle nostre scuole

Dopo il COVID, nell’area della salute mentale c’è una richiesta sempre maggiore di figure di eccellenza. Come professionisti di Biodanza siamo chiamati a formarci per divulgare questa pedagogia di cura altamente qualificata ed efficace, stimolandone la spendibilità sociale e favorendo la presenza del sistema Biodanza nelle principali agenzie di cura del territorio (nei settori sociale, clinico, educativo).

Il Master in Biodanza e Salute Mentale è un'estensione certificata ed autorizzata dalla rete IBF ed avrai l'opportunità di imparare direttamente dall'ideatrice del protocollo di Biodanza e Salute Mentale, Giovanna Benatti. Il corso potrà essere tenuto in lingua italiana, spagnola ed inglese, nonché interamente tradotto in diretta.

Programma riservato a soli facilitatori Biodanza SRT ed allievi in Tirocinio autorizzato

35 ore formative suddivise tra:

  • teoria

  • metodologia

  • laboratori

Accedi alle videoregistrazioni
Le videoregistrazioni integrali di ogni modulo restano sempre a tua disposizione online e/o scaricabili.

Ricevi tutto il materiale

Verranno fornite anche le presentazioni, i modelli e le scalette di modo che tu possa utilizzarli durante la tua formazione, professione e lavoro d'equipe e di ricerca.

Ricevi l'eserciziario di Biodanza Clinica
Conoscerai l’eserciziario di Biodanza Clinica che ti permetterà di operare con successo nel mondo della salute mentale.

Ricerca Scientifica

Sarai integrato nella rete di facilitatori ed accompagnato nella formazione di un equipe multidisciplinare per portare avanti la ricerca. Ci sono molti nuovi studi sulla Biodanza Clinica.

3 moduli - 3 modalità

Programma e Contenuti

Modulo 1

  • Storia della follia nel mondo occidentale: dall'iconografia del folle di Dio alla malattia mentale come segno del diavolo, dal manicomio visibile a quello invisibile, la storia della follia attraverso il concetto di stigma.

  • Concetto di differenza secondo la biologia e secondo la sociologia e l’economia politica: la cultura biocentrica come referente e fondamento di una nuova sociologia e di una nuova convivenza umana. Il rispetto della differenza come politica sociale.

  • La figura del folle nella cultura ancestrale e nell’iconografia religiosa: dalle culture ancestrali e dalla medicina delle origini un nuovo modo di relazionarsi con la sofferenza psichica. Nel cerchio di Biodanza un eco delle origini e una poderosa prospettiva per la cura degli esseri umani.

  • Relazione del facilitatore con la propria differenza: riconoscere ed affermare la propria differenza forma parte di un processo di crescita personale che rende il facilitatore di Biodanza qualificato come portavoce della cultura dell'inclusione.

  • Relazione del facilitatore con la differenza dei partecipanti: addestrarsi a riconoscere in un sistema di pedagogia gruppale come Biodanza come le singole differenze dei partecipanti esprimano bisogni, richieste e necessità specifiche.

  • Classificazione disturbi nevrotici e psicotici: una classificazione importante da conoscere, tenendo presente però che Biodanza non lavora con il diagnostico, ma con la persona.

  • Identità del facilitatore di Biodanza clinica: formarsi con un'identità chiara e forte come professionisti di Biodanza Clinica significa mettere a disposizione una competenza pedagogica unica che sempre più si intreccia in sinergia con tutti gli operatori della salute.

  • Il protocollo Centro Gaja di applicazione Biodanza in area clinica: conoscere origine, struttura e come utilizzare efficacemente uno strumento di lavoro che si è sviluppato a partire dall'esperienza.

  • Teoria, Metodologia e Applicazione della di Biodanza nell’area della salute mentale: disturbi schizofrenici, psicotici e autismo; disturbo bipolare e disturbo ossessivo compulsivo.

Modulo 2

  • Correlazione tra motricità e tocchi (Metodo Masaje Vivencial - Maite Bernardelle)esiste una correlazione profonda nei mammiferi tra il movimento e il tocco intuitivo.  Questo metodo, che si fonda sul contatto come diritto umano, ha guidato l'ideazione e l'applicazione di Biodanza Clinica in tutte le condizioni e situazioni di motricità ridotta o assente. Si apprende così che la vivencia di Biodanza non risiede nella motricità, ma nella motivazione a vivere di ogni essere umano

  • Teoria, metodologia e applicazione della Biodanza nell’area delle differenti abilità e motricità (ridotta o assente): come apprendere ad applicare Biodanza in collettivi dove sono presenti persone con sindrome di Down, ritardo cognitivo o necessità speciali, priorizzando le differenti intelligenze e le risorse espressive di ogni partecipante.

  • Teoria, metodologia e applicazione della Biodanza nell’area dei disturbi dell’umore: il punto di partenza, ben visibile nei gruppi di Biodanza è discernere tra persona con depressione e ambiente depresso, ed offrire strumenti qualificati per rinforzare l'identità e l'autostima ed offrire così un vero e proprio percorso di riabilitazione esistenziale.

Modulo 3

  • La professionalità del facilitatore di Biodanza Clinica. "Lavoro in equipe" e "lavoro in rete": in questo corso riceverai un addestramento di eccellenza per poter co-creare, dialogare, collaborare e sviluppare progetti radicati nel territorio con le principali figure di professionisti della salute. Entrerai inoltre a far parte di una rete locale ed internazionale di facilitatori di Biodanza Clinica che ha l'obiettivo di mettere sempre più in luce alle istituzioni il sistema Biodanza e le scuole di formazione nella loro essenza di "motori di inclusione, empowerment e azione sociale". 

  • Area della progettazione. Come si redige un progetto: LABORATORIO in cui si apprendono linguaggio e modalità più efficaci per approcciare, dialogare e concretizzare progetti istituzionali di Biodanza Sociale e Clinica.

  • Area della supervisione. Creazione e facilitazione di una classe di Biodanza Clinica con supervisione: LABORATORIO gruppale per padroneggiare curva, tempi e dinamiche di una sessione di Biodanza Clinica. Acquisire sicurezza della propria identità di facilitatori di Biodanza Clinica significa offrire un processo in totale aderenza ed ascolto di ogni partecipante ed è la massima espressione del cuore di Biodanza Clinica: "non controllare un processo, ma accompagnarlo. Non curare una malattia, ma prendersi cura di una persona".

  • Consegna delle dispense e del materiale didattico audio-visivo: al termine del corso riceverai del materiale prezioso che ti potrà accompagnare in tutto il processo di co-creazione e realizzazione dei progetti.

  • Cerimonia di consegna dei diplomi.

Testimonianze

Della didatta Giovanna Benatti

Un’esperienza eccellente. Giovanna trasmette con la formazione e personalmente ad ogni partecipante tutto il suo bagaglio profondo e professionale.

La professionalità di questa estensione che si radica nella scienza è il futuro di Biodanza.

Marcus Stueck

Psicologo, ricercatore universitario e direttore della scuola di Biodanza di Riga (Lettonia)

Il lavoro di Biodanza Clinica e salute mentale è stato meraviglioso. Lo abbiamo fatto alla scuola di Biodanza Bàtiica nel 2018. Ci ha commosso ogni momento e ci ha lasciato fortemente ispirati e pieni di entusiasmo a scommettere su questa linea di lavoro in Biodanza. Grazie a Giovanna e al suo immenso amore per il suo lavoro e per la sua professionalità!"

 

Alejandra Villegas

Psicologa, ricercatrice, Direttrice della scuola di Biodanza di Lipsia (Germania)

L’estensione della Biodanza Clinica ci permette di addentrarci nella questione della salute mentale dalla prospettiva della “parte sana”, com’è quella di Biodanza. Questa da strumenti per maneggiare e lavorare con la salute mentale delle persone.

È un’estensione completa, profonda e Giovanna riesce a trasmettere in una maniera molto bella ed amabile le sue conoscenze molto profonde su questo tema.

 

Myriam Sofia Lopez

Direttrice della fondazione Colombiana di Biodanza

Un percorso formativo di eccellenza. Nel quale l'ordine e la profondità della teoria si mischiano con l'impagabile sapienza esperienziale maturata da Giovanna in tanti anni. Un perfezionamento fondamentale per chi desidera specializzarsi in questo ambito.

Ugo Rizzo

Direttore scuola di Biodanza della Puglia (Italia)

È passato molto più di un decennio e ho ancora un'immagine chiara del nostro amato maestro Rolando Toro a Milano che concede il riconoscimento al Master sulla salute mentale. Quanto conta questa applicazione, che contiene gli strumenti di trasformazione più umani che possiamo immaginare.

In ogni nuova edizione come in quella memorabile organizzata in Spagna dalle Scuole di Biodanza

di Saragozza, dalla Scuola Ispanica di Madrid e da quella dei Paesi Baschi, emergono eccellenti professionisti che porteranno Biodanza e salute mentale per diffondere salute e felicità

nelle aree più necessarie e più difficili da raggiungere.

Sempre il mio grande riconoscimento Giovanna Benatti per questa potente creazione.

 

Maite Bernardelle

Direttrice Scuola Hispanica di Madrid ed Ideatrice del Metodo Masaje Vivencial e dell'applicazione Biodanza in massaggio

35 ore formative

Ricevi le videoregistrazioni

Eserciziario di Biodanza Clinica

Ricevi tutto il materiale

Ricerca Scientifica

3 moduli

Come partecipare

IBF- MASTER DI SPECIALIZZAZIONE

BIODANZA E SALUTE MENTALE

Iscriviti al corso di specializzazione riservato a facilitatori e tirocinanti autorizzati.

posti limitati a disposizione.

540,00€ i.i.