Search

“Io sono ciò che sono in virtù di ciò che tutti siamo”

“Umuntu ngumuntu ngabantu” (“io sono ciò che sono in virtù di ciò che tutti siamo”) è una delle espressioni proprie della filosofia Ubuntu, appartenente all’Africa sub-sahariana. Come si può intuire, in quest’espressione sono racchiusi i concetti di compassione, interrelazione, rispetto reciproco e comunione, più che mai attuali in questi giorni di isolamento ma di profonda interdipendenza come anche solo la propagazione del virus ci dimostra.

Allo stesso modo, Marlo Morgan, autrice di Il cielo, la terra e quel che sta nel mezzo (1998), riporta alla luce l’antica saggezza aborigeno-australiana con le seguenti parole: “[…] ci troviamo qui gli uni per gli altri, per soccorrere, nutrire, divertire, interagire con tutto il resto. Siamo qui per avere cura di questo pianeta […]”. Ciò che Marlo Morgan aggiunge rispetto alla filosofia Ubuntu è l’interconnessione tra uomo e natura, importante al pari di quella tra esseri umani.